Coronavirus

Lo Stato di Emergenza dovuto alla pandemia da Covid-19 è terminato il 05 maggio 2023. 

 

Norme per la gestione dei Casi Covid19 confermati e contatto di caso positivo aggiornate secondo la nota del Ministero della Salute dell’11 agosto 2023 n° 25613

 

PERSONA CON DIAGNOSI CONFERMATA DI COVID-19

Le persone risultate positive ad un test diagnostico molecolare o antigenico per SARS-CoV-2 non sono più sottoposte alla misura dell’isolamento.

Si raccomanda, comunque, di osservare le medesime precauzioni valide per prevenire la trasmissione della gran parte delle infezioni respiratorie.

È consigliato:

• Indossare un dispositivo di protezione delle vie respiratorie (mascherina chirurgica o FFP2), se si entra in contatto con altre persone.

• Se si è sintomatici, rimanere a casa fino al termine dei sintomi.

• Applicare una corretta igiene delle mani.

• Evitare ambienti affollati.

• Evitare il contatto con persone fragili, immunodepresse, donne in gravidanza, ed evitare di frequentare ospedali o RSA. Questa raccomandazione assume particolare rilievo per tutti gli operatori addetti all’assistenza sanitaria e socio-sanitaria, che devono quindi evitare il contatto con pazienti a rischio.

• Informare le persone con cui si è stati in contatto nei giorni immediatamente precedenti alla diagnosi, se anziane, fragili o immunodepresse.

• Contattare il proprio medico curante se si è persona fragile o immunodepressa, se i sintomi non si risolvono dopo 3 giorni o se le condizioni cliniche peggiorano.

Per quanto riguarda le persone con diagnosi confermata di Covid-19 ricoverate in ospedale oppure ospiti di RSA si rimanda alle norme fin qui attuate.

 

PERSONE CHE SONO VENUTE A CONTATTO CON CASI DI COVID-19

Per queste persone non si applica nessuna misura restrittiva.

Si raccomanda comunque:

  • che le stesse pongano attenzione all’eventuale comparsa di sintomi suggestivi di Covid-19 (febbre, tosse, mal di gola, stanchezza) nei giorni immediatamente successivi al contatto.
  • Nel corso di questi giorni è opportuno che la persona eviti il contatto con persone fragili, immunodepressi, donne in gravidanza.
  • Se durante questo periodo si manifestano sintomi suggestivi di Covid-19 è raccomandata l’esecuzione di un test antigenico, anche autosomministrato, o molecolare per SARS-CoV-2.

 

Dal 1/10/2023 il Tamponie rapido o molecolare, per la ricerca del virus da SARS Cov - 2, si esegue presso la Sala Prelievi dell' Ospedale San Camillo De Lellis, Piano seminterrato.

Modalità di Accesso: si accede senza prenotazione, con impegnativa del medico curante  da regolarizzare presso gli Sportelli Cup presenti in Ospedale.
Orari di Accesso: dal lunedì al sabato in orario 7.45/10.30.

Ritiro Referti

  • allo sportello: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 10.30 alle ore 13.00 e dalle ore 14.30 alle ore 15.30; Sabato dalle ore 10.30 alle ore 13.00.
  • Al Totem: (sportello di ritiro automatico dei referti situato all'ingresso principale dell'Ospedale) H24 (No Sabato pomeriggio e festivi).
  • Via web: Home Page del  sito della ASL Rieti, nella specifica sezione “IL TUO REFERTO CON UN CLICK”. 24h su 24h (tale modalità deve essere richiesta dall'utente allo Sportello CUP, al momento della regolarizzazione dell'impegnativa). 

03 LUGLIO 2023

Su indicazione della Direzione aziendale della Asl di Rieti, la Direzione Medica Ospedaliera ha predisposto, a far data dal 3 luglio 2023, una nuova regolamentazione dell’accesso di visitatori, accompagnatori, Caregiver, al Presidio ospedaliero De Lellis di Rieti.  

La decisione è stata assunta per superare definitivamente le limitazioni all’accesso dei familiari istituite durante le varie fasi della pandemia da SARS CoV-2 e permettere al degente di essere più efficacemente accompagnato, durante il percorso di cura in ospedale, dai propri familiari.  

L’accesso al Presidio ospedaliero di Rieti è pertanto consentito nel rispetto delle seguenti regole:  

  • Un solo visitatore per ogni paziente all’interno del reparto di degenza; alternandosi all’ingresso del reparto sarà possibile l’accesso nella stessa giornata di più visitatori per ogni paziente ricoverato.  
  • Nei reparti ordinari, tutti i giorni con il seguente orario. Giorni feriali: dalle ore 12 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 19. Domenica e festivi: dalle ore 10 alle ore 19. 
  • Nei reparti intensivi e sub intensivi, tutti i giorni con il seguente orario. Giorni feriali: dalle ore 16 alle ore 19. Domenica e festivi: dalle ore 13 alle ore 14 e dalle ore 16 alle ore 19.   
  • Reparto Malattie Infettive: il responsabile potrà disciplinare eventuali riduzioni delle fasce orarie sopraindicate in funzione del numero di casi con infezione da SARS CoV-2 ricoverati presso il proprio reparto. 
  • Dispositivi di protezione individuale delle vie respiratorie: sono obbligatori, fatta eccezione per i bambini di età inferiore ai 6 anni, persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, nonché persone che devono comunicare con una persona con disabilità in modo da non poter fare uso del dispositivo.      
  • Permane interdetta la visita ai pazienti in isolamento per contatti stretti Covid-19 ed ai pazienti positivi per Covid-19.  

 L’accesso per gli accompagnatori delle donne in gravidanza: 

  • Nella fase peri-partum è consentito previo esito negativo di tampone nasale antigenico o molecolare naso-faringeo effettuato al massimo nelle 48h precedenti; nel caso specifico il personale infermieristico del reparto effettuerà la verifica dell’esito del tampone. 
  • Nella fase post-partum è consentito come le modalità sopraindicate per tutti gli altri visitatori.  

    Pronto Soccorso 

    L’ accesso al Presidio Ospedaliero per i visitatori dei pazienti “in visita” in Pronto Soccorso NON è consentito salvo casi eccezionali e sempre previa autorizzazione del Dirigente Medico che ha in carico il paziente, in funzione delle condizioni cliniche dello stesso, necessità di assistenza e grado di affollamento dei locali.  
     

     Area Boarding Pronto Soccorso e UTN 

    L’accesso al Presidio ospedaliero per i visitatori dei pazienti “in destinazione” presenti presso l’Area Boarding del Pronto Soccorso e per quelli ricoverati presso la U.T.N. (Unità di Trattamento Neurovascolare) valgono le seguenti disposizioni (salvo diverse indicazioni dettate da condizioni di sovraffollamento e/o situazioni di emergenza): 

  • Un solo visitatore per ogni paziente nell’arco della giornata, per un massimo di 20 minuti 
  • Tutti i giorni con fascia oraria, dalle ore 18:00 alle ore 19:00.  
  • Obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale delle vie respiratorie, fatta eccezione per bambini di età inferiore ai sei anni, persone con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina, nonché persone che devono comunicare con una persona con disabilità in modo da non poter fare uso del dispositivo. 
  • L’accesso dei visitatori potrà avvenire dall’ingresso prossimo all’Area Boarding. 
  • Permane interdetta la visita ai pazienti in isolamento per contatti stretti COVID-19 ed ai pazienti positivi per COVID-19. 

    Ingresso Caregiver (persona che svolge attività di assistenza) in tutti i reparti, compreso il Pronto Soccorso, sempre consentito dalle ore 7 alle ore 22 

    In tutti i reparti (incluso il Pronto Soccorso), salvo eccezioni particolari per le quali è fatta disposizione specifica, è sempre consentito nella fascia orario 7:00 – 22:00 l’accesso dei Caregivers per: 

  • · Paziente minore (presenza del Caregiver consentita anche in fascia notturna); 
  • · Paziente in fine vita (presenza del Caregiver consentita anche in fascia notturna); 
  • · Paziente grande anziano (ultraottantenne) allettato; 
  • · Presenza di barriere linguistiche; 
  • · Paziente con disabilità visiva o ipovedenti; 
  • · Paziente con qualunque disabilità con riconoscimento ai sensi dell’art.3 comma 3 legge 104/92. 

    La figura del Caregiver è individuata dal Dirigente Medico del reparto (incluso il PS) o dal Coordinatore Infermieristico, che sono dunque tenuti alla verifica delle predette condizioni. 

     

 

Dal 1 novembre 2022 a marzo 2023

Regolamentazione Accessi Visitatori e Accompagnatori/Caregivers al Presidio Ospedaliero

Determinazione Regione Lazio n. G14889 del 31/10/2022

 


Da sabato 12 marzo 2022, sarà nuovamente consentito l’accesso dei visitatori al Presidio Ospedaliero di Rieti.

L’accesso è consentito ai soggetti in possesso di Certificazione Verde COVID-19 rilasciata a seguito della somministrazione della dose di richiamo (booster) successivo al ciclo vaccinale primario (Certificazione Verde COVID-19 rafforzata denominata sull’applicazione Verifica C19 V-come V-Visitatori); in possesso di Certificazione Verde COVID-19 rilasciata a seguito del completamento del ciclo vaccinale primario o dell'avvenuta guarigione, unitamente ad una certificazione che attesti l'esito negativo del test antigenico rapido o molecolare eseguito nelle 48 ore precedenti l'accesso.

L’ingresso sarà consentito ad un solo visitatore per paziente nell’arco della giornata per un massimo di 45 minuti; tutti i giorni con fascia oraria dalle ore 14:30 alle ore 16:00.

Resta obbligatorio l’uso della mascherina FFP2, l’igienizzazione delle mani in ingresso e in uscita, il distanziamento sociale.

Permane interdetta la visita ai pazienti in isolamento per contatti stretti COVID-19 e nei reparti COVID-19.

Per gli accompagnatori delle donne in gravidanza l’accesso nella fase travaglio/parto è consentito con le condizioni relative alla suddetta “Certificazione Verde COVID 19” e con l’aggiunta dell’esecuzione di tampone nasale antigenico o molecolare negativo effettuato massimo nelle 48h precedenti. Nella fase post-partum valgono invece le modalità previste dai Visitatori.

Per le suddette categorie permane comunque l’obbligo di uso della maschera FFP2 e l’igienizzazione delle mani.

È sempre consentito, senza limite orario e senza controllo di Certificazione Verde COVID-19 l’accesso per gli Accompagnatori/Caregivers di paziente minore; paziente in fine vita, grande anziano (ultraottantenne) allettato, presenza di barriere linguistiche, paziente con disabilità.

 

 


12 gennaio 2022 -Ospedale Rieti: da venerdì 14 gennaio limitazioni ingresso visitatori
La Direzione Aziendale della Asl di Rieti, considerato l’andamento della pandemia da SARS CoV-2, l’aumento della possibilità di trasmissione, per tutelare i pazienti ricoverati ed evitate ricadute sulle loro condizioni di salute, comunica che a partire da venerdì 14 gennaio 2022, l’accesso al Presidio Ospedaliero di Rieti sarà consentito esclusivamente (previo controllo green pass rafforzato sia all’ingresso che nei reparti e servizi dell’ospedale) ai visitatori caregiver di pazienti in fine vitaoncologici, con disturbo psichico, agli accompagnatori di minori e agli accompagnatori delle gestanti in prossimità di parto.

I reparti organizzeranno un servizio di chiamata attiva dei famigliari dei pazienti ‘per comunicazioni di tipo clinico’ una volta al giorno; l’avvenuta comunicazione verrà registrata in cartella clinica.

Il personale religioso ospedaliero, con il supporto dei coordinatori infermieristici e dei referenti e il personale di assistenza, organizzeranno un servizio di chiamata attiva dei famigliari dei pazienti per ‘comunicazioni di tipo non clinico’ una volta al giorno utilizzando i tablet in dotazione, per effettuare eventuali videochiamate.

Direzione Aziendale Asl Rieti


25 Agosto 2021 - Accesso in sicurezza nelle strutture Asl Rieti e al de' Lellis: da domani con green pass

La disposizione, a tutela di tutti i cittadini, dei pazienti fragili e dei degenti. La verifica della validità della Certificazione Verde è a carico del personale dell'Azienda.

Come annunciato lo scorso 10 agosto, in attuazione delle nuove direttive regionali per la limitazione della diffusione del SARS-CoV-2, per la sicurezza di tutti i cittadini, dei pazienti fragili e dei degenti, la Asl di Rieti ricorda le modalità di accesso presso le strutture socio assistenziali della Asl di Rieti e l’ospedale provinciale de’ Lellis di Rieti, che a partire da domani, giovedì 26 agosto, prevedono l’esibizione del green pass.

Visitatori, accompagnatori e caregiver possono accedere solo se muniti di certificazione verde (green pass) in formato digitale o cartacea in corso di validità. La verifica della validità della Certificazione Verde è a carico del personale di vigilanza presente all'ingresso. In assenza di certificazione verde non è consentito l’accesso. 

In particolare, l'accesso unico all’Ospedale è confermato presso l'ingresso principale con le modalità già vigenti di controllo della temperatura e di richiesta del motivo dell’accesso (visita a degenti o di cura) e della destinazione, per la verifica di congruità dell’orario di presentazione. Chiunque entri in Ospedale deve essere munito almeno di mascherina chirurgica e indossarla per tutta la permanenza in ambiente ospedaliero.

Le persone in visita ai degenti ricoverati, possono accedere all'Ospedale esclusivamente nella fascia oraria 16.00 - 19.00. E' consentito l'accesso di un solo visitatore per paziente ricoverato e per un tempo massimo di 30 minuti.

Gli accompagnatori di pazienti con certificata disabilità che devono sottoporsi a visite e/o esami, possono accedere alla struttura negli stessi orari dei pazienti a cui prestano assistenza.  

I caregiver, familiari, persone di riferimento di pazienti collocati in specifici reparti (Pediatria, Sala Parto, Degenza Ostetrica e ambulatori Legge 194) e i caregiver che prestano assistenza a pazienti fragili, con disabilità e non collaboranti, possono accedere in qualunque orario e senza limitazione di tempo. Analoghe disposizioni si applicano in caso di fine vita.

Per quanto concerne il Pronto Soccorso, l’accesso alle sale di attesa è consentito agli accompagnatori dei pazienti non affetti da COVID-19 muniti della certificazione verde (green pass) in formato digitale o cartaceo, nonché agli accompagnatori dei pazienti in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità ai sensi dell’art.3 comma 3. della legge n.104/1992.

I pazienti che accedono al “Pronto Soccorso non covid”, non in possesso della certificazione verde, in condizione di vulnerabilità, ad alta probabilità di ricovero oppure a rischio clinico o suscettibili di manovre aerosolizzanti, saranno sottoposti dal personale della struttura sanitaria ad uno screening con test antigenico. 

I minori con età inferiore ai 12 anni sono esclusi da questa prassi.

Direzione Aziendale Asl Rieti

In aggiunta al numero di pubblica utilità 1500, la ASL Rieti ha istituito il NUMERO AZIENDALE  0746/279494,  operativo dal Lunedì al Venerdì in orario  08.00/14.00, attraverso il quale operatori adeguatamente formati forniranno informazioni e chiarimenti  a tutti i cittadini. 

Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della Asl di Rieti proseguirà nell’azione di prevenzione e contenimento del virus, mantenendo elevato lo standard di attenzione sul territorio.
Per qualsiasi segnalazione o richieste di supporto la ASL Rieti è contattabile anche agli indirizzi e-mail: sispaslrieti@asl.rieti.it  e comunicazionepositivi@asl.rieti.it 

PER I VIAGGIATORI: 
consultare la sezione Covid-19 - Viaggiatori del sito del Ministero della Salute e la sezione Salute in Viaggio del sito Viaggiare Sicuri. In caso di rientro dall'estero con obbligo di isolamento/quarantena invitiamo a inviare una mail a sispaslrieti@asl.rieti.it comunicando i propri dati, la data di arrivo su territorio italiano e il Paese di provenienza.

Per comunicazioni e informazioni si può contattare il numero aziendale 0746/279494 dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 14:00,  oppure scrivere all'indirizzo e-mail: sispaslrieti@asl.rieti.it

Archivio Storico - Coronavirus