Assistenza Domiciliare Aziendale

Responsabile UOS Assistenza Domiciliare Aziendale
Dott. Michele Ciro Totaro
e-mail:
m.totaro@asl.rieti.it

Coordinatore Assistenza Infermieristica
Dott. Mauro Capannini
e-mail: m.capannini@asl.rieti.it

Numero dell'Assistenza Domiciliare (ADI)  della sede di Poggio Mirteto è lo 0765/448225  attivo dal Lunedì al sabato dalle ore 08.00 alle ore 12.00

 

Contatti

Responsabile UOS Assistenza Domiciliare Aziendale
Dott. Michele Ciro Totaro
e-mail:
m.totaro@asl.rieti.it

Responsabile CAD
Distretto 2 - Poggio Mirteto, Osteria Nuova

Dott. Fabrizio Colangeli
e-mail:f.colangeli@asl.rieti.it

Coordinatore Assistenza Infermieristica
Dott. Mauro Capannini
e-mail: m.capannini@asl.rieti.it

Organizzazione dei percorsi assistenza riabilitativa aziendale
Dott.ssa Francescangeli Roberta

mail r.francescangeli@asl.rieti.it

L’Assistenza Domiciliare è un servizio rivolto agli utenti in situazione di fragilità, con una condizione di non autosufficienza parziale o totale, di carattere temporaneo o definitivo, e con una condizione di impossibilità alla deambulazione e di non trasportabilità con i comuni mezzi presso presidi sanitari ambulatoriali. È necessaria la presenza di un supporto tutelare formale e/o garantito dalla rete familiare/parentale e/o informale e la presenza di condizioni abitative che garantiscano la praticabilità dell’assistenza, acquisite anche a seguito di azioni per il superamento di eventuali fattori ostativi.

 

L’Assistenza Domiciliare è rivolta pertanto nei confronti di pazienti che non possono lasciare il proprio domicilio, ed è articolata in:

  • ADP, cioè assistenza domiciliare programmata, che prevede accessi programmati solo da parte del Medico di Medicina Generale (MMG);
  • ADI, cioè assistenza domiciliare integrata, che prevede accessi da parte di altre figure, oltre al MMG, con carattere sia occasionale (ADI base), sia continuativo (ADI di livello I, II, III e alta complessità);

 

L’ADI assicura:

  • accessi domiciliari programmati da parte del Medico di Medicina Generale (MMG)
  • assistenza infermieristica e riabilitativa;
  • assistenza medica specialistica;
  • supporto sociale, erogato dal Comune di residenza dell’assistito, sulla base di una valutazione socio-sanitaria.

Per attivare l’ADP o l’ADI, il Medico di Medicina Generale (MMG) o il Medico della struttura dimettente inviano un apposito modulo di proposta (Modello Unico per attivazione ADI/ADP) al Punto Unico di Accesso (PUA) distrettuale di riferimento. Il modulo è disponibile in questa stessa pagina nella sezione “Modulistica”.

Gli indirizzi fisici ed email, gli orari e i telefoni dei vari PUA distrettuali sono disponibili sul sito.

Il personale distrettuale quindi attiva l’assistenza domiciliare, previa valutazione della proposta del Medico richiedente, anche con eventuale accesso a domicilio del paziente insieme al MMG in una apposita UVMD (unità di valutazione multidimensionale distrettuale), a seconda del livello di complessità dell’utente.

A seconda delle necessità socio-sanitarie dell’utente, alla UVMD possono partecipare anche gli assistenti sociali del Comune di residenza, per l’erogazione di eventuali supporti sociali forniti dal Comune, oltre al supporto sanitario erogato dalla ASL.

Qualora il paziente sia ricoverato presso un Ospedale ed abbia necessità di continuità assistenziale domiciliare, la valutazione viene effettuata, prima della dimissione, all’interno del reparto di degenza.

Il Medico di Medicina Generale (MMG) ha la responsabilità unica e complessiva del paziente in ADP o in ADI. In caso di ADI, il MMG attiva i vari servizi ASL (consulenze specialistiche, interventi infermieristici e/o riabilitativi) tramite l’invio di apposite impegnative al PUA di riferimento, coordinando i vari operatori per rispondere ai bisogni del paziente.